The Reader, Stephen Daldry

Di Daniela Losini | domenica 1 marzo 2009 alle 11:50

nuovo-poster-del-film-the-reader-97997-202x300Rarefatto sommesso dramma del cuore, della memoria e dei legami. The Reader tratto dal romanzo di Bernhard Schlink e diretto da Stephen Daldry (già regista del bellissimo, struggente The Hours) racconta dei silenzi e dei rapporti umani.

Lui ha sedici anni e incontra Hanna, una donna sbrigativa nei modi e nelle tenerezze ma colma di passione, sentimento e desiderio di conoscenza. Non sa leggere e il giovane corpo accogliente del suo amante le riserva la sorpresa del racconto. Li unirà  la lettura e la carne, li separà il passato di lei.

Universitario e apprendista avvocato ritroverà la donna amante e mai dimenticata in un’aula di tribunale sul banco degli imputati. Fu kapò ai tempi del nazismo e si macchiò di colpe indicibili.

Lui proverà a vivere una vita meno solitaria, introverso e chiuso dentro al suo mondo ma nemmeno un matrimonio e una figlia riusciranno a distoglierlo dall’apatia. Passeranno gli anni, le condanne e le colpe da scontare ma il legame con la  straordinaria e oscura donna della giovinezza, non si spezzerà mai. Eccellenti prove d’attore: Kate Winslet regina del dramma, asciutta, empatica e asettica al medesimo tempo, David Kross giovane curioso, incosciente e tribolato, Ralph Fiennes adulto narratore delle vite altrui, incapace di vivere/raccontare la propria.

Grande film imperdibile:  memoria e sospiri magistralmente intrecciati.

Revolutionary Road, Sam Mendes

Di Daniela Losini | domenica 1 marzo 2009 alle 10:29

April (Kate Winslet, divina e dolente) e Frank (Leonardo Di Caprio, talentuoso come sempre) sono sposati, hanno figli vivono una vita disperata e normale come molte famiglie della buona borghesia. Ricordando se stessi e quel che i propri sogni imponevano, recuperano l’entusiasmo per un nuovo inizio/miraggio di felicità: Parigi.

Un feroce litigio, dopo l’incontro magico, (come in New York New York: Liza Minnelli e Robert De Niro si insultavano brutalmente ed era la fine) prelude alle difficoltà sin dagli albori. Ma loro resistono, continuano. Flashback dal presente al passato: la prima volta nella quale videro la casa che divenne la loro prigione ma anche un luogo di appagamento; l’ottusa vicina di casa Kathy Bates, il di lei figlio sottoposto agli elettroshock, colui che parlerà senza sovrastrutture e pungerà le anime; lo scorrere degli eventi inesorabilmente legati alla vacuità dell’umore reciproco.

E al centro i due protagonisti: egoisti, sommessi, incapaci di essere all’altezza delle proprie inquietudini. Si tradiscono per rabbia e leggerezza, cercano di parlarsi e volano coltelli. Tratto dall’omonimo romanzo di Richard Yates, Sam Mendes allestisce un’opera piena, consapevole e densa di emotività. Splendido e rarefatto, forse qualche pecca di manierismo e immobilità teatrale di troppo. Ma che classe, che tormento quel sangue versato sui tappenti candidi, quella disperazione rabbiosa, quelle fughe impossibili.