Conan The Barbarian

Di Daniela Losini | lunedì 31 ottobre 2011 alle 22:07
Parte decisamente svantaggiato il Conan degli anni del 3D (anche basta, dosatelo), dei reboot per evidente mancanza di idee, dei film "Dai li rifacciamo sono passati almeno vent'anni!". Ci sono John Milius e il granitico faccione di Schwarzy coi quali confrontarsi. C'è soprattutto Milius: le atmosfere ansiogene, quella mistura irripetibile di avventura, oscurantismo, epica e superstizione dove ogni minuto di girato era un'apocalisse. Dalla sua il nuovo Conan ha – ed è - Jason Momoa.
Categorie: Articoli, Webzine
Tag:
Commenti disabilitati

Source Code, Duncan Jones

Di Daniela Losini | martedì 19 aprile 2011 alle 12:16
Seconda prova del talentuoso Duncan Jones autore di Moon piccola, grande gemma incastonata nel panorama sci-fi cinematografico. Questa volta il regista ha a disposizione mezzi e star mainstream pur nel senso più positivo del termine, Jack Gyllenhaal, Michelle Monaghan e Vera Farmiga. Jones riesce a non farsi fagocitare dal sistema mantenendo la propria cifra alienata ed estranea alle logiche più strettamente commerciali. Un capitano (Gyllenhaal) che ha servito con onore durante la guerra in Afghanistan si risveglia completamente frastornato nei panni di un altro uomo mentre parla con un ragazza (Monaghan). Poi uno scoppio squarcia la normalità della conversazione e si risveglia di nuovo.
Categorie: Webzine
Tag:
Commenti disabilitati

Sucker Punch: no country for Titty Twister Squad

Di Daniela Losini | martedì 19 aprile 2011 alle 12:03
Zach Snyder porta in sé il dna del cineasta circense: ne ha dato prova con il riuscito “300” (Abdomino ergo sum) e l’immaginifico e prolifico di suggestioni “Watchmen”. Lecito aspettarsi uno spettacolo più che travolgente. Sucker Punch è l’odissea retrò di cinque ragazze rinchiuse in un ospedale psichiatrico. Baby Doll (Emily labbra-schiuse Browning “Una serie di sfortunati eventi”, “Sleeping Beauty”); Sweet Pea (Abbie Cornish, “Bright Star” “Somersault”); Rocket (Jena Malone, “Into the wild”, “Rovine”); Blondie (Vanessa Hudgens “High School Musical”); Amber (Jamie Chung “Una notte da leoni 2”). Baby Doll ha subito violenza dal padre e per difendersi finisce col creare un terribile incidente. Messo piede nell’Arkham Asylum femminile, scoprirà che si tratta di copertura per un bordello.
Categorie: Webzine
Commenti disabilitati

Il discorso del Re

Di Daniela Losini | lunedì 14 marzo 2011 alle 15:34
Tom Hooper costruisce un film ineccepibile mantenendo una regia sempre salda che non perde il ritmo della narrazione mentre strizza un occhio al racconto naif e un altro al manierismo più elegante ma senza scivolare nella melassa. In un’epoca di cambiamenti storici, siamo negli anni quaranta, mentre la vita e l’educazione a Corte si traducono in reprimende educative e stoicismo, un Re muore, un Re (Guy Pierce) abdica in nome di un amore scandaloso e un Re Balbuziente (Colin Firth) deve sciogliere lingua, carattere e forza per sostenere il proprio popolo sull’orlo della seconda guerra mondiale. Re Giorgio VI incontra un logopedista, Geoffrey Rush, uomo dai metodi creativi ma inflessibili, che lo accompagnerà a recuperare il ritmo e il filo della propria esistenza attraverso il turpiloquio, gli esercizi fisici, la pratica della fiducia in se stessi e delle urla tanto liberatorie.
Categorie: Webzine
Commenti disabilitati

Scontro tra Titani

Di Daniela Losini | mercoledì 21 aprile 2010 alle 13:56
Quasi trent'anni fa "Scontro tra Titani" segnò in qualche modo la ripresa del peplum e dei film ad alto costo.

Effetti speciali made in Ray Harryhausen, stop-motion, enormi scorpioni inferociti e il Kraken di gomma che esigeva il tributo umano per placare l'ira degli dei contro la città di Argo, furono i fattori che resero in qualche modo il film indimenticabile. Si era ragazzini e ben si ricorda il gufo di metallo, Medusa, Perseo, Pegasus il bianco cavallo alato.

Si saccheggiò dalla mitologia greca per restituire uno spettacolo alle platee, il cinema in luogo dell'anfiteatro e l'operazione ebbe il suo seguito. Oggi spiace che per piazzare il remake a cura di Louis Leterrier (l'ultimo controverso Hulk con Edward Norton era suo) si stia puntando sul 3D all'ultimo minuto tanto per far grancassa di risonanza all'effetto in voga.
Categorie: Webzine
Tag:
Commenti disabilitati

Alice nel Paese delle Meraviglie

Di Daniela Losini | mercoledì 7 aprile 2010 alle 20:23
Nella mani di Tim Burton il 3D diventa un’opera d’arte e a tratti, riesce a essere anche poesia. Alice nel Paese delle Meraviglie nella versione di colui che diede i natali a indimenticate creature come Edward Mani di Forbice e Frankenweenie (prossimo film del nostro) tarato sulle giusta aspettativa, non delude. Ora, non ci faremo traviare da disamine del testo, dalla fedeltà o meno allo stesso – qui, si appartiene alla scuola di pensiero che apprezza se il film è altro dal testo – da parte della pellicola, ma ci perderemo volentieri, ruzzolando nella tana del Bianconiglio.

Permeato da un tono folle e di pazzia strisciante, non è così apertamente sfacciato e colmo di nonsense. Siamo sempre in territorio Disney e dunque pur rimanendo nell’ambito delle stranezze (diversamente dal complicato e alienante “Nel Paese dei Mostri Selvaggi”) tutte le bizzarre creature che popolano Sottomondo, emanano familiarità.
Categorie: Webzine
Tag:
Commenti disabilitati

Il Profeta

Di Daniela Losini | lunedì 15 febbraio 2010 alle 15:16
Jacques Audiard (Sulle mie labbra, Tutti i battiti del mio cuore) costruisce un film denso e coeso toccando vette di coinvolgimento al cardiopalma. Non c’è un momento di rilassatezza possibile in platea. Intreccia inserti soprannaturali che si amalgamano senza discostare l’attenzione dal filo della trama principale. Meritato Gran Premio della Giuria a Cannes 2009.

Un prophète racconta la storia di Malik El Djebena (un ottimo Tahar Rahim che incarna eccelso ingenuità e forza) diciannovenne condannato a sei anni di carcere costretto a muoversi nel mondo gerarchizzato della criminalità all’interno del carcere.

Arabo di origini ma non praticante musulmano viene individuato come pedina dal boss còrso (stranissima e suggestiva lingua, auspichiamo che nella versione doppiata non si perda tale idioma) Luciani (Niels Arestrup) per eliminare un avversario.
Categorie: Webzine
Tag:
Commenti disabilitati
 Pagina 1 di 3  1  2  3 »